Colonna

shinzen1

Mia moglie ed io eravamo legalmente sposati (cioè presentato il modulo al Municipio) alla fine di aprile di 2016.
Circa una settimana prima dell’evento, ho chiesto l’aiuto di un amico per liberare la camera da letto principale che avevo usato come ripostiglio mentre vivevo nella camera degli ospiti. Quando abbiamo iniziato a svuotare un armadio antico per alleggerire il carico prima di sollevare l’armadio, io e il mio amico abbiamo notato un grande indumento avvolto in carta da Takashimaya, una delle catene di grandi magazzini di fascia alta del Giappone. Abbiamo aperto l’indumento per rivelare due bellissimi uchikake, o kimono da sposa. Il mio amico ha osservato che dovrei usare questi alla mia cerimonia di nozze. La mia risposta è stata Masayo davvero non voleva alcun tipo di cerimonia. Ha detto: “peccato, perché penso che questo sia un segno che la tua (defunta) madre vuole che questi uchikake siano usati. “Ho appena risposto “shoganai” (non può essere aiutato) e abbiamo continuato sgombrare la camera da letto.
Il giorno dopo, quando Masayo è arrivato per una visita, mi ha confidato che stava pensando di avere una cerimonia di nozze in stile giapponese, dopo tutto, e invitando la sua famiglia, ma temeva affittare un kimono di nozze sarebbe molto costoso. Ho appena sorriso e ho detto: “Ne abbiamo già uno. Due, in realta’.”Dire che era scioccata sarebbe un eufemismo.

sinzen2

Naturalmente, essendo nato e cresciuto a Kamakura, l’unico posto dove prenderei in considerazione una cerimonia di nozze giapponese sarebbe al Santuario di Hachiman, di fronte alla divinità protettrice di Kamakura. Masayo era d’accordo. Il prossimo numero è stato quando avere la cerimonia. Doveva essere un fine settimana in modo che la famiglia di Masayo potesse partecipare, inoltre doveva essere un giorno fortuito secondo l’almanacco giapponese, e infine doveva essere durante il prossimo autunno o la primavera successiva. L’estate e l’inverno dovevano essere evitati, poiché la cerimonia si sarebbe svolta in un padiglione del santuario esposto agli elementi su tutti e quattro i lati.
Una volta che siamo stati legalmente sposati, almanacco in mano abbiamo camminato al Santuario Hachiman per effettuare una prenotazione. La prima data disponibile per soddisfare tutti i nostri requisiti è stata il 23 aprile 2017. Manca quasi un anno! Tuttavia, che era prevedibile, così abbiamo fatto la prenotazione e siamo tornati a casa.
Per qualcosa di così complicato come la preparazione per un matrimonio giapponese, abbiamo deciso di assistenza professionale era la strada da percorrere, così la settimana successiva, abbiamo deciso su quale Kamakura salone di nozze a contratto con. Quello che avevo era solo l’indumento da sposa più esterno. Penso che ci siano quattro o cinque strati coinvolti, questi più tutti gli accessori necessari dovrebbero essere affittati. Per lo sposo, tutto avrebbe dovuto essere affittato. Poi c’è l’organizzazione dei capelli, il trucco, il risciò, i servizi fotografici, ecc. e così via. Fidati di me, pagare un professionista per fare tutto questo è denaro molto ben speso.
Come lo sposo, vorrei indossare un formale haori e hakama. Pensate a questi come una giacca e pantaloni per adattarsi sopra un kimono di base. La giacca, o haori, è decorata con lo stemma ufficiale della famiglia dello sposo, noto come kamon. Questo kamon sarebbe temporaneamente collocato sul noleggio del salone di nozze haori. Poiché non avevo un kamon, ho chiesto al mio buon amico Yohsuke Takenaka, che proviene da una famiglia molto distinta, se potevo prendere in prestito il suo stemma di famiglia per l’occasione. Ha prontamente accettato così ho lasciato il salone di nozze sapere quale era (ufficialmente noto come nove foglie di erba di bambù all’interno di un cerchio) e ha dato loro un’immagine digitale per la conferma. Parlerò di più su questo kamon più tardi.
Hachiman Shrine raccomanda vivamente alle coppie che hanno la loro cerimonia al santuario di partecipare a una delle sessioni di orientamento che si svolgono ogni pochi mesi. Masayo e ho finito per partecipare alla sessione di marzo 2017. L’orientamento consiste in un video di 20 minuti, seguito da istruzioni su come inchinarsi. Il personale del Santuario si inchina con un angolo di 90 gradi, ma sa che sarebbe impossibile senza allenamento e pratica, quindi hanno chiesto a tutti gli altri di accontentarsi almeno di 45 gradi.
Questa è la bella brochure che abbiamo ricevuto durante la sessione di orientamento.

sinzen3

Il giorno prima della cerimonia, mi sono fermato al salone di nozze per lasciare i due uchikake (che, per inciso, hanno impiegato circa tre settimane e 20000 yen per essere lavati a secco) più gli snack e le bevande per rifornire la sala d’attesa.
Il giorno della cerimonia, Masayo e mia sorella (che è venuta da Seattle per l’occasione) hanno lasciato la casa intorno alle 530 per essere al salone di nozze entro le 6 del mattino. (La nostra cerimonia è iniziata a mezzogiorno!) I capelli e il trucco richiedono molto tempo. La madre di Masayo non aveva bisogno di organizzare i capelli o il trucco, ma aveva ancora bisogno di essere lì da 8 per essere vestito con un kimono formale. Sono arrivato intorno alle 830 per iniziare a vestirmi in haori-hakama, e il padre di Masayo intorno alle 9 per il suo cappotto formale con le code. Anche il fratello di Masayo e il mio amico Yohsuke Takenaka, che rappresenta l’intermediario, sono arrivati per completare il partito ufficiale. (Il mio anziano zio si univa a noi nella sala d’attesa del Santuario Hachiman poco prima della cerimonia di mezzogiorno.)
Poi eravamo fuori per un servizio fotografico presso il piccolo tempio situato accanto al salone di nozze.
Dopo che il servizio fotografico era finito, siamo tornati al salone di nozze per circa 20 minuti mentre Masayo ha cambiato il suo uchikake da quello usato per la sessione fotografica a quello che avrebbe indossato durante la cerimonia vera e propria. Le decorazioni nei suoi capelli sono stati scambiati fuori pure. L’ultimo rituale tradizionale giapponese che ha avuto luogo presso il salone di nozze è stato per Masayo per ottenere il suo rossetto toccato da sua madre. Nei tempi antichi, quando una sposa andava direttamente dalla casa dei suoi genitori alla casa del marito, questa era l’ultima cosa che la madre potesse mai fare per sua figlia. Anche oggi, questo è stato un momento abbastanza emozionante.

sinzen4

Poi ci siamo avventurati di nuovo fuori dove il nostro risciò ci aspettava. Solo io e Masayo siamo riusciti a cavalcare, tutti gli altri hanno dovuto fare lo zoccolo al santuario. L’autista del risciò (?) ci ha portato su un percorso tortuoso al Santuario di Hachiman, permettendo così agli escursionisti abbastanza tempo per arrivarci prima del nostro arrivo.

sinzen5

Siamo arrivati al terzo cancello torii del Santuario di Hachiman, e la presa della foto ha iniziato ad accadere sul serio. Dopo circa 30 minuti di foto, siamo stati guidati nella sala d’attesa e abbiamo ricevuto il nostro briefing finale da una fanciulla del santuario, conosciuta come miko-san. Lì, abbiamo dovuto prima firmare il pegno che avrei letto durante la cerimonia. All’interno del pegno stesso viene utilizzato il nome da nubile di Masayo, ma all’interno del blocco di firma finale per sposo, sposa e go-between viene utilizzato il suo nome sposato. Normalmente lo sposo scrive in tutti i nomi, ma dal momento che la mia scrittura giapponese è così atroce probabilmente anche gli dei non sono riusciti a decifrarlo, ho fatto scrivere Masayo in tutto.

sinzen6

La prossima cosa era praticare l’Offerta rituale alla Divinità (spiegazione più tardi).

snzen7

Pochi minuti prima di mezzogiorno, abbiamo lasciato la sala d’attesa lungo il percorso del padiglione di danza del Santuario di Hachiman. Siamo saliti nel Padiglione, abbiamo preso i nostri posti assegnati, e la seguente sequenza di eventi ha avuto luogo:
Benedizione da Capo Sacerdote-agitando una bacchetta sacra su tutti i partecipanti.
Rapporto di Capo Sacerdote-fatto per informare la Divinità Hachiman quello che stava per accadere e chiedendo la sua benedizione.

sinzen8

Danza da Shrine Maiden-fatto per mettere la divinità di buon umore. La sua danza era accompagnata dalla musica del santuario su strumenti musicali tradizionali giapponesi. Questo è stato effettivamente fatto dal vivo da musicisti santuario, non era una registrazione!
Bere sake rituale per significare unità – il sacerdote è venuto prima di me con un vassoio caricato con una pila di tre tazze di sake, grandi, medie e piccole. Per prima cosa mi fu offerta la piccola tazza di sake, nella quale la fanciulla del santuario versò una piccola quantità di sake. Ho bevuto il sake con tre sorsi. Beh, in realtà, dato che c’era così poco sake i primi due sorsi erano falsi. Successivamente, il sacerdote offrì la coppa del sake a Masayo, che seguì l’esempio. Poi, ha preso tre sorsi dalla tazza media. Poi ho preso tre sorsi dalla tazza media, poi tre sorsi dalla tazza grande. L’evento è stato terminato da Masayo prendendo tre sorsi dalla grande tazza. Il significato dei tre sorsi da tre tazze per un totale di nove sorsi è simile alla frase occidentale ” nel bene e nel male, nella malattia e nella salute.”Tre, o” san ” è un numero molto fortuito in Giappone, ed è una sillaba omofonica usata in molte parole giapponesi con buone connotazioni per una coppia sposata. Ad esempio, il carattere 産, che significa “nascita” e che fa anche parte della parola per “ricchezza”, è pronunciato “san.”D’altra parte, il numero nove, pronunciato “ku”, è un omofono per il personaggio苦, che significa sofferenza, angoscia, difficoltà ecc.

sinzen9

Groom’s Pledge – questo è dove Masayo e ho fatto un passo fino al podio centrale (?), poi ho letto Masayo e il mio impegno ad amare l’un l’altro e lavorare insieme per il bene della società.

sinzen10

Offerta rituale alla divinità-Masayo e io abbiamo offerto alla divinità un tamakushi, che è un ramo di un albero sacro, decorato con strisce di carta.

sinzen11

Il prossimo è uno scambio opzionale di anelli, che abbiamo rifiutato.
Famiglia e parenti Brindisi-ogni membro della famiglia e parente viene versato una piccola quantità di sake (si arriva a tenere le tazze), come lo sono gli sposi. Il capo sacerdote poi spiega il bere di sake insieme simboleggia ogni membro della famiglia e relativo presente farà del loro meglio per sostenere la sposa e lo sposo come vanno attraverso la vita coniugale insieme. Quando cued dal capo sacerdote, tutti dicono Omedeto Gozaimasu (Congratulazioni) e bere sake insieme.

sinzen12

Per noi, era il momento di stare insieme con i nostri amici che si erano presentati solo per vedere la cerimonia dall’esterno del Padiglione di danza, e scattare molte, molte foto.

sinzen13

Postscript:
Quelli di voi che hanno seguito la mia colonna in Sanpai Giappone sanno che accredito il leggendario generale dell’era feudale e il brillante stratega militare generale Hanbei Takenaka per aver riunito io e mia moglie. Questo è il motivo per cui volevo davvero indossare lo stemma della famiglia Takenaka sull’haori per la mia cerimonia, e così ho chiesto al mio buon amico (che è anche il diretto discendente del generale) Yohsuke Takenaka se potevo “prenderlo in prestito” per l’occasione. Yohsuke di cuore accettato di farmi prendere in prestito.
Fast forward al giorno della cerimonia di nozze. Nella sala d’attesa del Santuario di Hachiman, nell’intervallo tra la firma del pegno ecc. e partendo per il Padiglione di danza, Yohsuke ha annunciato a tutti che aveva un regalo per me. Un dono che la sua famiglia ultima presentato alla fine del 16 ° secolo, ad un giovane ragazzo di nome Shoujumaru, che sarebbe poi diventato famoso come generale Nagamasa Kuroda. Yohsuke ha detto che mi avrebbe autorizzato ad usare lo stemma della famiglia Takenaka come mio, poi mi ha presentato il ricamo formale incorniciato mostrato nella foto qui sotto.

sinzen14

Wow!
E ‘ difficile da mettere in parole senza anche fornire un sacco di informazioni di base, ma la versione breve è: in Giappone, questo è un enorme onore. Così, quando sono salito nel padiglione per avere il mio matrimonio formalmente riconosciuto dalla divinità protettrice di Kamakura, indossavo il mio stemma di famiglia.
Io, mia moglie e tutti i nostri discendenti diretti saremo d’ora in poi in grado di indossare lo stemma della famiglia Takenaka come nostro.
Sul retro del ricamo formale incorniciato c’è questo commento scritto a mano:
A William J. Young
Come prova della nostra amicizia,
Presento lo stemma della famiglia Takenaka “Nove foglie di erba di bambù all’interno di un cerchio”
alla tua famiglia.
Takenaka Hanbei Shigeharu
discendente diretto della 17a generazione
Takenaka Yohsuke

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.