ads

Abstract

Il campo magnetico intrinseco non solo è un fattore critico che determina l’ambiente elettromagnetico di un pianeta, ma serve anche come diagnostica chiave della struttura interna e della dinamica del pianeta ospite. La missione Cassini è entrata nella fase finale ad aprile. 2017 ed eseguito 22,5 orbite molto inclinate e ravvicinate attorno a Saturno prima di tuffarsi nel pianeta il 15 settembre 2017. Qui riportiamo le caratteristiche del campo magnetico di Saturno rivelate dalle misurazioni del magnetometro della fase Finale di Cassini e discutiamo le loro implicazioni sulla struttura interna e sulla dinamica di Saturno. Queste misurazioni dimostrano che il campo magnetico interno di Saturno è eccezionalmente assisimmetrico, con un’inclinazione del dipolo inferiore a 0,007 gradi. L’equatore magnetico di Saturno è stato misurato direttamente per essere spostato verso nord da ~ 0.0468 +/- 0.00043 R (2820 +/- 26 km) a distanze cilindriche radiali comprese tra 1,034 e 1,069 RS dall’asse di rotazione. Sebbene quasi perfettamente assisimmetrico, il campo magnetico interno di Saturno presenta caratteristiche su molte scale di lunghezza caratteristiche nella direzione latitudinale. Esaminando Br a 0,75 RS, i contributi di grado da 4 a 11 corrispondono a una struttura a bande latitudinali con larghezza caratteristica simile ai getti zonali off-equatoriali osservati nell’atmosfera di Saturno. Il campo magnetico interno di Saturno oltre i 60 gradi di latitudine, in particolare le caratteristiche su piccola scala, sono meno vincolate dalle misurazioni disponibili, principalmente a causa della copertura spaziale incompleta nella regione polare. I campi magnetici associati alle correnti ionosferiche di Hall sono stati stimati e trovati a contribuire meno di 2,5 nT ai coefficienti di Gauss oltre il grado 3. Il campo magneto-disco presenta variazioni orbita-orbita tra 11 nT e 16 nT lungo la parte ravvicinata delle orbite del Gran Finale, offrendo l’opportunità di misurare la risposta di induzione elettromagnetica dall’interno di Saturno. Il momento di dipolo interno variabile orbita-orbita misurato è compatibile con la risposta di induzione elettromagnetica a 0.86 Rs, in linea di massima coerente con la nostra attuale comprensione del profilo di conduttività elettrica interna di Saturno. Discuteremo quindi i vincoli e le implicazioni sulla stratificazione stabile e sui flussi zonali profondi (rotazione differenziale) all’interno di Saturno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.