a stati Multipli Focolai di Salmonella Typhimurium Infezioni Legate al Pomodoro (ultimo AGGIORNAMENTO)

Pubblicato il 3 novembre 2006

Scoppio di Riepilogo

Questo è un aggiornamento delle informazioni registrate in precedenza su un multistate outbreak di Salmonella Typhimurium causato da un unico molecolare ceppo di questo batterio. Questa infezione non ha alcuna relazione con la febbre tifoide, che è causata da un altro batterio. Le persone infettate con Salmonella Typhimurium hanno tipicamente febbre e diarrea che si risolvono dopo circa una settimana.

da venerdì, 3 novembre 2006 questa epidemia ha causato 183 casi in 21 stati, tra cui AL PARAGRAFO 1), AR (4), CT (28), GA (1), (1), KY (19), MA (50), MI (8), MI (2), MN (14), NC (4), NE (1), NH (14), OH (4), PA (3), RI (6), TN (9), VA (3), VT (8), WA (1) e la (2). Tutti i pazienti risiedono ad est del fiume Mississippi ad eccezione di un residente dello stato di Washington che aveva viaggiato nel nord-est degli Stati Uniti. Inoltre, 2 pazienti infettati dal ceppo focolaio di Salmonella Typhimurium sono stati segnalati dal Canada, uno dei quali aveva viaggiato in uno stato colpito negli Stati Uniti L’età media dei pazienti è di 34 anni, e il 57% sono di sesso femminile. La maggior parte dei pazienti ha avuto febbre e diarrea. Di tutti i pazienti per i quali sono stati riportati dati clinici, 22 (12%) sono stati ricoverati in ospedale; non sono stati riportati decessi.

La maggior parte dei pazienti si è ammalata nelle ultime 2 settimane di settembre 2006. Tra le persone malate 111 che hanno fornito la data in cui la loro malattia è iniziata, 93% si è ammalato tra settembre 14 e ottobre 2. Questo focolaio non è in corso, e si crede di essere finita. Al momento non vi sono prove di un rischio continuo per il pubblico.

Le analisi preliminari dei dati raccolti dagli investigatori indicano che i pomodori consumati nei ristoranti sono il cibo responsabile di questo focolaio di infezioni da Salmonella Typhimurium. Il CDC ha concluso che i pomodori contaminati associati a questo focolaio sono stati consumati o distrutti e non sono più sul mercato o presenti nella catena alimentare. Pertanto, non vi è alcuna prova di rischio continuo e CDC non raccomanda che i pomodori siano ritirati dal mercato, né CDC consiglia che i pomodori dovrebbero essere evitati dai consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.